TOP
Fashion

IL MIO SUPER BUNGEE JUMPING ALLE VICTORIA FALLS

Pensavate che questo fosse soltanto un blog di ricette e cucina, tutt’al più di fashion e outfit? Eh no, miei cari! Come vi avevo anticipato, purtroppo o per fortuna i miei genitori mi hanno messa al mondo con questa, vogliamo chiamarla “caratteristica”?, di essere un tantino eclettica. Pertanto, mi è sembrato che tra una ricotta e una scarpetta, un bel bungee jumping giù dalle Victoria Falls (perché ovviamente una come me non poteva mica farlo in Italia, scherziamo! Dovevo arrivarci fin là) ci stesse a pennello.
Devo ammettere, per onor del vero, che questo video risale a diversi anni fa e oggi non sono più certa al cento per cento che le mie vertebre reggerebbero allo stesso modo. In ogni caso, il ricordo di quel momento è talmente vivo in me che ho deciso di condividere questa esperienza pazzesca con voi, tanto per farvi capire un po’ meglio che genere di soggetto sono, ma anche per consigliarvi qualcosa per cui so con certezza che mi ringrazierete a vita! ☺

 

 

All’epoca, mi venne in mente di partire per andare a visitare lo Zambia, affascinata dalle bellezze dell’Africa Meridionale. Ovviamente le cascate Victoria – come saprete annoverate nel Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco – costituivano una meta imprescindibile, ma di certo, quando mi misi in viaggio per raggiungerle, non pensavo che avrei finito per lanciarmi di sotto dalla cima del ponte che le attraversa. A dire il vero, ero partita pensando a qualcosa di molto più tranquillo, come sedersi sulle rive dello Zambesi godendo della densità delle sue acque, o tutt’al più – se proprio dovevo cimentarmi in qualche sport – immaginavo cosette di routine, come il tiro con l’arco, l’equitazione, massimo che vada il trekking tra parchi e montagne.

Ma poi le ho viste! Sono arrivata di fronte ad esse e il mio primo pensiero è stato: “Che meraviglia! Non posso non provare il brivido di precipitare giù in caduta libera da un posto del genere!” 111 metri di altezza, per la precisione. Insomma: robbetta.
Alla fine, lo spirito libero che è in me prese il sopravvento sulla paura… perché non è che fossi poi così tranquilla e serena, ve lo posso assicurare, però la sfida valeva la pena.
Se state guardando il video, vi suggerisco di porre una certa attenzione sulla mia faccia mentre mi accompagnano alla pedana di lancio e ricevo così, tutto d’un botto (caspita, ma io non sono ancora pronta!) l’ordine di lancio. Mi dicono anche (simpatici i ragazzi, eh) di non guardare in basso, ma di avanzare con la faccia rivolta in avanti e le braccia aperte.
A questo punto, devo farvi una confessione: un po’ di timorello – anzi, direi proprio fifa nera – mi era preso nel frattempo, tanto che stavo per rinunciare all’ultimo secondo. In fin dei conti ero ancora in tempo e non l’avrebbe saputo nessuno! Ma poi, mi è tornato in mente il mio motto preferito: “Se non hai mai tentato, non hai mai vissuto”.

E così, eccomi là a lanciarmi nel vuoto con una sola corda elastica attaccata alle caviglie. Beh ragazzi, che dire! È stata un’esperienza unica, una scarica di adrenalina pazzesca, un po’ come il sesso super passionale: non sai cosa ti perdi, fintanto non lo provi! ☺
Solo che qui, in più c’era quel senso di leggerezza, di stare volando come un uccello nell’aria, con tutto attorno il suono frastornante delle cascate e del vento. Libertà allo stato puro.

Cari amici, non so cosa voi abbiate provato nella vostra vita. Io posso dire di averne fatte tante, ma proprio tante, eppure questa rimane senza dubbio l’esperienza più sensazionale di tutte!
Il mio consiglio dato con il cuore è quello di provarla almeno una volta. Nel frattempo, io sto cercando di rincorrere un nuovo sogno, che al momento sta facendo impazzire la mia mente: un lancio presso il Royal Gorge Bridge in Colorado, a un’altezza di 321 metri. Insomma, come dire… sempre più pazza, avanti si vada! 😉

 

 

Lucy Tritto

Condividere la mia curiosità e la mia voglia di fare con voi sarà per me un modo per sentirmi circondata di amici e magari per esservi un po’ utile, visto che qui troverete tante ricette semplici e tuttavia particolari.

«

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow Me on Instagram!

La risposta da Instragram non aveva codice 200.